1889. Le mie notti

Mi aggrappo saldamente

Ad un bicchiere di vino

Ed ai ricordi di un mondo

Che non mi era estraneo

Un mondo che Γ¨ esistito

Dove una principessa

Mi guardava dalla finestra

Mentre distratto e intento

Ero, a conquistare il mio regno

Ora tutto Γ¨ cambiato

Solo la luna Γ¨ uguale

Affacciata alla sua finestra

Troppo alta

Per essere scalata

1883. Autore anonimo

A volte sentirsi come quei tomi ben rilegati, importanti, che fanno tanto bella figura in libreria. Che fa figo possedere ed esibire ma che nessuno ha mai voglia di leggere; a parte il titolo e a volte una distratta sfogliatina. Quelli destinati a passare buona parte della loro esistenza da una bancarella all’altra e ad impolverarsi inutilizzati

1880. Locked

Il senso del sacro Γ¨ stato scientemente abbattuto, demolito, polverizzato, espunto, dalla coscienza della cosiddetta civiltΓ  e cultura “occidentale”; sostituito da ideologie nichilistiche che ne hanno causato e causano la sterilitΓ  su ogni piano umano, decretandone cosΓ¬ l’estinzione. Tra le tante cose, a farne le spese piΓΉ alte Γ¨ il concetto stesso di “coppia sacra”. La realizzazione di una sizigia, di una monade autenticamente divina

Se Γ¨ vero che il primo obiettivo nella realizzazione interiore di un essere umano Γ¨ l’emancipazione da ogni dipendenza, incontrando, conoscendo e sottomettendo i propri demoni, Γ¨ pur vero che il secondo obiettivo Γ¨ realizzare qualcosa di piΓΉ grande di se stessi. E lo si puΓ² fare solo attraverso la complementarietΓ  di un altro essere umano con un equivalente livello di maturitΓ  e medesima chiarezza di intenti. Peccato che, a guardarsi intorno ci sia solo il deserto

E se Γ¨ giΓ  terribile vivere dal lato sbagliato della storia, ancora piΓΉ terribile Γ¨ constatare l’impossibilitΓ  di un ulteriore progresso da parte di chi si cimenta in arrampicate spirituali. Che certe pareti e vette, si possono conquistare solo in due

Non si vola con un’ala sola

*

1879. De laboris interiori genius

Essere Γ¨ dare espressione alla propria natura intrinseca. Manifestare con perfetta coincidenza l’interioritΓ  nel segno tangibile dell’agire. Essere completamente rapiti nella passione per ciΓ² che si fa. È la perfetta armonia di una danza col vivere. È eleganza e sicurezza nel gesto. È nobiltΓ  dell’arte. E non importa ciΓ² che stai facendo, se sia la piΓΉ umile o la piΓΉ grandiosa delle attivitΓ ; nessuno spettatore potrΓ  sottrarsi al fascino che emana dalla modalitΓ  con cui essa si compie

È questa la riflessione in retrospettiva nata da una giornata lavorativa particolarmente impegnativa. Il lavoro dunque nobilita? Senza dubbio alcuno, ma alla precisa condizione che esso sia nobilitato dalla virtù di chi lo svolge