1021. L’autostima

Dentro n’arveare, da n’favo ancora in costruzione

Niscette n’giorno n’ape senza pungijone

Embè, volete sapè che fece sto cojone?

Invece de sta zitto, e de tenesse l’antre bone

Annava riccontanno a tutte d’esse n’calabrone…

*

Una ripubblicazione sempreverde; e mi chiedo come mai, nella vita, continuino ad attraversarmi la strada sempre lo stesso tipo di personaggi

0893. Er filosofo e l’ombrico (Reblogged for Biagina Danieli)

S’arivorse un dì er filosofo a un lombrico:
Piuttosto che parlà co’ttè, me ne sto senza amico!
Che bestia inutile che sei, quanto fai schifo,
Stamme lontano che m’attacchi er tifo.
Tutta la vita passi gnudo a magnà terra
Senza conosce er monno e la sua guerra
Sempr’allo scuro stai nell’ignoranza
C’hai n’unico pensiero: de riempì la panza!

Je rispose er lombrico carmo e soridente:
Puro si tu pensi, ed io nun c’ho la mente,
Puro si tu c’hai la gloria ed io nun faccio storia
Pe quanto a te te possa sembrà strano,
Più de quanto credi noi se somijamo
Sempre a capo chino stai nello studiolo
Che chi te vede mai? Stai sempre solo
Cor moccolotto acceso rumini parole
Quanno lo guardi mai n’faccia er sole?
Magno terra è vero ma te de mejo che fai?
Uguale a magnà libri tutto er tempo stai
A partorì sentenze altisonanti
Che lascino stupiti posteri ed astanti
Sei inutile come me, nun ce giramo n’torno
Quello che manni giù pe tutto er giorno
Poi lo ricachi tale e quale tutt’attorno
L’unico modo pe capì che sei de n’antra schiatta
È de vedette n’cattedra c’ar collo na cravatta
Dimosela tutta, tu la gente la cojoni
Basta ammucchià m’po de paroloni
Ma poi in definitiva che d’è sta verità?
St’etica, sta libertà, sta perfezione de felicità?
Si pe millenni niuno l’ha trovata
Me sa ch’è solo er modo d’arivòrta la frittata
Sicché m’hai pure criticato, perché me ne sto m’pace sotterato
La guera armeno io nun la fomento co quarche grande e splendido argomento
Nun me’nvento facili ideali pe fa scannà l’ommini fra loro come maiali
Ne vado predicanno ideologie solo pe riempì le saccoccie mie
Te vorrei di n’urtima cosa, prima che m’affonno
Che na criatura p’esse degna de sta ar monno
Nun c’ha bisogno de sapè s’è quadro o tonno
Primariamente ha da’mparà stima e rispetto
Invece d’annà in giro, a pijà l’artri de petto