Informazioni

Classe 1970, romano di nascita e apolide per destino. Dicono che da bambini noi si sappia già ciò che diventeremo; a me quando chiedevano “cosa vuoi fare da grande?”, rispondevo “il barbone”. Allora nella mia testolina c’era l’immagine di me su un treno merci con la chitarra in spalla e torme di amici ad aspettarmi in ogni dove per nutrirsi della mia sola presenza. La chitarra l’ho comprata ma non ho mai imparato a suonarla, però di masserizie in spalla ne ho portate, vagabondando su e giù per l’Italia, da rovinarmi la schiena. Inseguendo strani “segni” infidi e traditori all’apparenza, ma che mi hanno portato alla impagabile gratificazione di essere quel che sono; un fallito secondo il metro materialista, ma che col suo lume è sulla pista buona per trovare l’Uomo. Ho aperto il mio primo blog nell’ottobre del 2003 e da allora è stato il mio strumento prediletto di espressione, per leggermi dentro e per capirmi e conoscermi. Inutile dire che il mio Filosofo preferito è Diogene… ed in effetti mi resta solo di dormire dentro una botte per essergli da pari. Insomma un cagnaccio randagio, scarsamente addomesticabile alla normalità umana e molesto per troppe insolenti obiettività e coerenza; a volte coccolato a volte bastonato a volte abbandonato, ma che comunque trova sempre un modo per sfangarla. Il mio motto potrebbe essere “MORDE E NON DEMORDE”

arcadiolume@gmail.com

Gruppo su Telegram:

https://t.me/joinchat/AgV9GFDuNWFi8sEWzv7bhQ